VII Stazione giubilare: sulle orme di San Gaspare del Bufalo

San Gaspare nacque a Roma il 6 gennaio 1786. Fin da giovane, animato da zelo apostolico, si dedicò all’evangelizzazione dei figli del popolo, della gente dei campi, dei poveri, dei malati; particolare amore lo rivolse ai degenti negli ospizi e negli ospedali. Divenne sacerdote del clero di Roma il 31 luglio 1808.
Su mandato di papa Pio VII, insieme a un gruppo di compagni sacerdoti, si dedicò al rinnovamento del clero e del popolo cristiano attraverso le missioni popolari e gli esercizi spirituali. Animato da grande amore per il mistero del sangue di Cristo e volendone più efficacemente portare i frutti di redenzione alle anime, il 15 agosto 1815 fondò la Congregazione dei Missionari del Preziosissimo Sangue a Giano dell’Umbria. Con i suoi missionari percorse da un capo all’altro l’Italia centrale predi-cando le sante missioni. Ovunque passò, rifiorirono la fede e la pietà cristiana, cessarono gli odi e il malcostume, si verificarono strepitose conversioni, soprattutto fra associati massoni e bande di briganti. Percorse, instancabile anche il nostro Montefeltro e fondò diverse case missionarie, da quelle di Rimini (1824), Macerata Feltria (1832), Cesena (1832), a Pennabilli (1833). Da Rimini viene chiamato per una Missione a Soanne dal 30 maggio all’8 giugno 1828 (si narrano in proposito fatti straordinari qui accaduti per opera del Santo) e, per far giungere la parola di Gesù a quanti più è possibile, va a tenere missioni di visita a Monteboaggine, Villagrande, Maciano, Antico, Scavolino, Maiolo, Montecopiolo.
Morì a Roma il 28 dicembre 1837. Fu canonizzato il 12 giugno 1954 da papa Pio XII.

2 luglio

La parrocchia di Soanne è particolarmente grata al nostro vescovo Andrea per aver dedicato in questo Anno Santo della misericordia una stazione giubilare alla figura di San Gaspare del Bufalo, tanto caro alla nostra parrocchia perché vi predicò una missione popolare nel 1828, a memoria della quale esiste tutt’ora una croce su un masso di pietra con incisa tale data.

È con grande trepidazione che attendiamo ora l’urna contenente la reliquia del corpo del Santo, accompagnata da due Missionari del Preziosissimo Sangue provenienti da Giano dell’Umbria, i quali saranno con noi in un Triduo per far rifiorire nuovamente la nostra fede, come il santo seppe infondere e rianimare. Numerose sono le testimonianze che ricordano il suo passaggio e, in questi tre giorni, vorremmo riviverle con lo stesso entusiasmo dei fedeli che allora accorsero numerosi dalle parrocchie vicine per ascoltare la sua parola ed esserne edificati. Le famiglie di Soanne conservano devotamente parti del lenzuolo dove ha dormito il santo, divenuto un’insigne reliquia per la guarigione ottenuta da una neomamma che, ammalata gravemente di emorragia, ne venne avvolta e guarì.
Il Triduo di “Esercizi spirituali al Popolo” inizierà giovedì 30 giugno alle ore 18 con l’accoglienza in diocesi della reliquia di San Gaspare e dei missionari del Preziosissimo Sangue. Alle ore 19 verrà celebrata la S. Messa in onore di San Gaspare.
Il programma dettagliato è presente sul “Montefeltro” a pag. 20. Siamo tutti invitati a ripercorrere le orme di San Gaspare del Bufalo partecipando con devozione anche alla stazione giubilare.
Ci troveremo con il nostro vescovo, sabato 2 luglio alle ore 20:45, davanti alla chiesa di Santa Maria, chiesa originaria ove il santo diede inizio alla sua missione popolare.
Si proseguirà poi, in processione, verso la chiesa parrocchiale di Sant’Andrea, passando per le vie del paese. (I parrocchiani di Soanne)